[I gay sono sempre esistiti?] Antica roma parte 2

Di nuovo noi, di nuovo qui.

Ma questa è la puntata divertente, amigos, oggi ci diamo al bieco e mero gossip. Il pippone storico l’abbiamo superato, ma era necessario… altrimenti quelli di oggi vi sarebbero sembrati solo fatti buttati là, senza capo né coda.

Ma ciancio alle bande, e fuoco ella trombe. Si parte!


Giulio Cesare

giulio-cesare-gay-lgbt.jpg

Chi sia stato Gaio Giulio Cesare più o meno lo sanno anche i muri. Ma quella che conoscete è la sua faccia pubblica, quella che vi raccontano a scuola… sapevate però, per esempio, che era chiamato «il marito di tutte le mogli e la moglie di tutti i mariti»?

Avete capito bene, signore e signori, il mitico Cesare era bisessuale.

Per questo venne preso brutalmente in giro durante la sua vita. Anche perché era una persona ambiziosa dal punto di vista politico… e quale miglior modo per distruggere la carriera di una persona se non prendersela con la sua sfera personale?

Cesare ebbe una lunga relazione quando era ragazzo con Nicomede IV, il re della Bitinia, descritta successivamente così da Svetonio nelle “Vite dei Cesari”:

(LA)

« “Gallias Caesar subegit, Nicomedes Caesarem: ecce Caesar nunc triumphat qui subegit Gallias, Nicomedes non triumphat qui subegit Caesarem” »

(IT)

« Cesare ha sottomesso le Gallie, ma Nicomede ha messo sotto lui. Oggi trionfa Cesare che le Gallie ha sottomesso, non trionfa Nicomede che ha messo sotto lui. »

Insomma, povero caro, diciamo che non ha avuto proprio una vita semplice…


Adriano e Antinoo

Adriano e antinoo roma gay.jpg

Ma se volete una favola d’amore che Romeo e Giulietta levatevi proprio, dopo tutte quelle cattiverie sul povero Cesare, vi presento l’imperatore Adriano e il suo favorito che, neanche a farlo apposta, veniva anche lui dalla Bitinia: Antinoo.

Delle origini di Antinoo sappiamo poco o niente, ma quello che è certo è che non era uno schiavo e che Adriano, non appena lo vide, se ne innamorò perdutamente. E cominciò a portarlo con sé durante le visite ufficiali, quasi al posto della moglie.

Però, perché c’è sempre un però… A un certo punto la favola si è interrotta. Per quello ho citato Romeo e Giulietta, perché neanche Antinoo e Adriano hanno avuto il lieto fine.

Paradossalmente, però, è qui che la vera favola inizia.

Antinoo perse la vita durate una visita ufficiale in Egitto. I due stavano facendo una crociera sul Nilo quando il ragazzo cadde misteriosamente in acqua: c’è chi dice che fu ucciso perché la sua vicinanza all’imperatore aveva suscitato molte gelosie, c’è chi dice invece che Antinoo si uccise per paura di invecchiare e di perdere l’amore di Adriano insieme alla giovinezza e alla bellezza.

Mistero misterioso.

In ogni caso, Adriano non lo dimenticò affatto. Decise, invece, di fare di Antinoo un Dio e cominciò a costruire templi e statue. Fondò persino una città in suo nome, Antinopoli, proprio vicino a dove il giovane aveva perso la vita. Una cosa un po’ macabra, ma anche molto dolce. Che ci dà la misura di quanto davvero lo amasse.

Quindi, personcine che leggete, io ve lo sto dicendo per tempo, che a San Valentino manca quasi un anno… vedete di prendere esempio da Adriano e fate qualcosa in grande per la vostra dolce metà. Che però sarebbe carino che non morisse, ecco.


Matrimoni omosessuali

Matrimoni omosessuali roma lgbt.jpg

Stando a quello che ci dicono Marziale e Giovenale, non proprio i primi due che passano per strada, l’unione tra due uomini non era assolutamente qualcosa che poteva accadere di rado. Anzi.

Vero è che il diritto romano non l’ha mai davvero riconosciuto, però i riti venivano celebrati quasi senza problemi. Non avevano alcuna valenza all’interno della società e neppure dal punto di vista legale, però intanto si facevano. E non solo, uno dei due membri della coppia era solito abbigliarsi con la stola, l’abito tradizionale della donna sposata.

Giusto per, vi faccio un esempio.

Prendete Nerone. Siccome Nerone era Nerone e lui non si faceva mancare niente, celebrò questi riti ben due volte: la prima, con il liberto Pitagora, assunse il ruolo della “moglie”; la seconda, con l’eunuco Sporo, quello del “marito”. Tra l’altro, di Sporo sappiamo che gli rimase accanto per tutta la vita e fu persino presente quando Nerone si uccise. Alcuni fonti vogliono che sia stato lui stesso a porgergli la daga.

Non qualcosa di propriamente romantico, me ne rendo conto, però considerate che i matrimoni neroniani erano matrimoni in piena regola, con tanto di scambio di doti e il velo per la sposa. Un uomo strano, indubbiamente, a cui però piaceva rispettare le tradizioni. Encomiabile.


Nell’esercito

Omosessualità nell'esercito romano.jpg

Dulcis in fundo, parliamo dell’esercito, una parte fondamentale della romanità.

Quello che sappiamo è che ai soldati era vietato sposarsi e quindi l’unico modo che avevano di “sfogarsi” -che termine orrendo, detto tra noi- era andare con delle prostitute o con persone del loro stesso sesso. L’importante era, come già vi avevo detto il mese scorso, che il soldato non perdesse la propria dignità, per come la intendevano i romani, e non permettesse che il proprio corpo venisse usato dai compagni per soddisfare i loro desideri sessuali: quindi il sesso tra commilitoni, di fatto, era impossibile.

Questo però non esclude le molestie sessuali.
Molti sono infatti i casi registrati di generali che abusavano dei propri sottoposti, soprattutto quando questi erano giovani e belli.

Quindi, pipol che mi leggete, vedete che essere cessi ogni tanto c’ha il suo perché?


Ebbene, siamo arrivati in fondo anche per questo mese. Ma non è ancora tempo di abbandonare l’antica Roma. Ci abbiamo un po’ messo le radici, me ne rendo conto… ma ho trovato nuove fonti sulle donne e sul travestitismo. Quindi, forse, il mese prossimo non vi annoierò completamente.

Anche perché, in fondo, sono argomenti che raramente riesco a trattare.

Quindi, mi volete ancora bene e mi tornate a leggere anche il mese prossimo, anche se rimaniamo su Roma? 

Gaia

 

Articolo precedente: [I gay sono sempre esistiti?] Antica Roma parte 1

 

 

 

 

Fonti:

http://www.vocidicitta.it/societas/le-origini-suburra-vizi-malaffare-nellantica-roma/
https://www.focus.it/scienza/scienze/dove-finito-giulio-cesare
http://www.milkmilano.com/a-occhi-aperti-nella-morte/adriano-e-antinoo/
http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2011-05-01/nerone-imperatore-urbanista-082200.shtml?uuid=AauCIRTD
https://he.wikipedia.org/wiki/קובץ:Glanum-stele_legionnaires.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...